01 Luglio 2016

Alescanca

Dove Lui ci indicherà

Quando eravamo fidanzati ci colpivano tanto le parole che san Francesco amava tanto, ovvero, "siate pellegrini e viandanti senza possedere niente di proprio". Ci sembrava una figata! Questa sí che è una vita bella, una vita spesa senza resistenze o cose da difendere. Questa sí che è una situazione di vita in cui è difficile raccontarsela!

Ricordo che leggendo il bellissmo libro di Larranaga Nostro fratello di Assisi mi si apriva il cuore a quei racconti di provvidenza quotidiana e di continuo stupore che san Francesco riusciva a vivere proprio perchè in quella condizione di pellegrino e viandante.

Si vede che si è portati a vivere ciò che maggiormente si sogna e senza accorgercene ci siamo ritrovati anche noi in questa situazione di pellegrini e viandanti. Certo non proprio come san Francesco… ma abbiamo fatto e stiamo facendo un’esperienza simile: l’esperienza di lasciare sempre tutto per continuare il cammino. Un lasciare bello, che non sa di amarezza, ma di stupore e meraviglia per quello che il Signore prepara per noi. Non sempre è stato facile, anzi per niente, ma ne è valsa sempre la pena. Ci sembra anche un po’ la storia di Abramo ripetuta più volte:

Il Signore disse ad Abram: Vattene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò. Gn 12,1

Quando qualcuno ci chiede come mai abbiamo traslocato in quattro nazioni da quando siamo sposati, noi rispondiamo che è successo a causa del lavoro di Francesco. In realtà, in cuor nostro non è mai stato veramente cosí, perchè ad ogni trasloco c’è stata una Parola che ci risuonava forte nel cuore e che non potevamo mettere a tacere. Come in questi mesi. Anche adesso abbiamo una Parola che ci guida, una Parola tanto bella e tanto folle ai nostri orecchi, che ci invita a partire di nuovo, dopo sei anni qui a Freiburg per andare nella terra che il Signore nella preghiera e nel discernimento ci sta indicando. Un gettare le reti dalla parte destra, un proseguire il cammino nel posto che ci pareva più inopportuno e assurdo.

Manca solo un mese al nostro trasloco in Basilicata. Sembra di tornare al punto zero, dove tutto è iniziato, dove sono cresciuta, dove mi hanno annunciato il Signore, dove facevo le telefonate in un angolino della mia camera per sentire Francesco che stava a Zurigo. Che strano! Ma chissà cosa vorrà dirci il Signore lí! Chissà quanti regali ci aspettano. E quindi insieme alle tante paure, partiamo con il cuore pieno di pace e ringraziamento. Solo due cose sappiamo: la prima è che noi stavamo cercando casa da tutt’altra parte e che la Basilicata non era neanche mai stata presa in considerazione; la seconda è che in tutti questi anni ne è valsa la pena ascoltare quella Parola di vita che ci guida, anche quando (e soprattutto) è risuonata assurda. Il Signore dona ciò di cui abbiamo bisogno per portare avanti la missione che ci è affidata. Questo viuol dire che a volte nella terra indicata c’era da vivere il deserto e la crisi. Altre volte è stata l’occasione per sperimentare la provvidenza davvero inaspettata. Altre volte ancora, abbiamo sperimentato quanto il Signore ci tiene a noi. Questa volta davvero non sappiamo cosa aspettarci, ma rimaniamo con il cuore aperto.

Insomma pregate per noi perchè siamo nella fase in cui si lascia tutto e ci si fida, e si alterna la gioia profondissima del cuore al dolore di lasciare questa casa e questo luogo dove i nostri figli sono cresciuti, dove abbiamo imparato tanto e a cui siamo legati. Al tempo stesso per 5pani2pesci ci sono molte novità grandi e belle, che preserviamo nel cuore per custodirle e farle cresecere come piacerà a Lui.

Vi abbracciamo tutti, con il cuore e nella preghiera … e ora vamos con gli scatoloni e le feste di addio!

Ale


Altri articoli sul cammino!


La crisi del settimo anno — ne ho sentito parlare tanto nei primi anni di matrimonio, quando eravamo già in crisi, e pensavo “figuriamoci che sarà al settimo anno?!”

Non sempre la via è così chiara. Spesso le situazioni sono complesse e i sentimenti inaffidabili. Allora in base a cosa decidiamo? Chi ci può aiutare nelle nostre scelte importanti?

Gioia o stress? Dipende per chi fai le cose e cosa metti al centro della tua vita.



Newsletter

Iscriviti per ricevere i prossimi articoli nella tua email: