Non ho tempo per pregare

by Alescanca,
Non ho tempo per pregare

Il tempo? Per pregare? Impossibile! Con tutte le cose che ho da fare… Ma non basta la messa la domenica?

Beh, con quattro figli e la vita che facciamo, il tempo è la cosa che piú manca. Mi piacerebbe poterlo comprare tra gli scaffali della pasta al supermercato, ma purtroppo la tecnologia e il business si concentrano su altri prodotti. Il tempo dovrebbe essere considerato un bene di prima necessitá insieme al pane e alla nutella, o almeno patrimonio dell’umanitá.

Fermarsi per partire

La mia vita e quelle delle persone che vedo intorno a me ha un ritmo cosí incalzante che quando sento parlare mia nonna e dei suoi ritmi, quasi invidio il fatto che era normale non avere la macchina e che bisognava organizzarsi con largo anticipo anche per fare il bagno (perché bisognava andare a prendere abbastanza acqua con l’asino e riscaldarla al fuoco). È vero che c’era una gran fatica da fare, ma la vita veniva scandita da poche e piccole cose semplici.

La nostra vita, invece, è piuttosto una corsa ad ostacoli o un tetris fatto di incastri, appuntamenti e scadenze. Se poi nell’equazione aggiungiamo gli imprevisti, allora poi sono pronta a scattare come una molla lanciandomi in frustrazioni e rabbia.

E se stessimo toppando tutto alla grande? Forse anche a te ti è capitato di pensarlo. Siamo davvero fatti per una corsa continua? Ma poi, mi chiedo io, ma andó annamo?? Dove corriamo, verso cosa esattamente? Tutto qui? Siamo fatti per questo… che sfiga peró!

Credo che prima di partire sullo start della giornata dobbiamo pensare a fermarci in realtá. Lo so che sembra una contraddizione in termini fermarsi per partire, ma forse non è proprio una cavolata. La preghiera in fondo è questo, semplicemente questo: fermarsi per partire, lasciarsi amare per partire, caricarsi per partire.

La preghiera non è l’ennesima cosa da fare e per cui di sicuro il tempo non c’è perché la lista di oggi è giá esaurita come esaurita sono giá io alle sette del mattino al solo pensiero di tutte le cose che devo riuscire a fare e che giá so che entro le dieci di stasera è impossibile che faró. La preghiera è il mio power bank. È la sorgente dove attingere, se no a cosa altro servirebbe?!

L’Amore è ordinato

L’Amore è ordinato e mette ordine. Quando ordino la mia vita alla preghiera, allo stare con Dio tutto funziona meglio. Certo, in ogni caso non riesco a fare tutte le mille cose che vorrei e corro come una pazza (l’altro giorno sono uscita con i jeans completamente vomitati di passato di verdure per quanto sono rinco..), ma la differenza è che quello che faccio ha un altro senso. Il mio fare non è solo fare, ma un servizio, un grazie a Dio per tutto l’Amore di cui mi ha colmato nella preghiera, nello stare con Lui cuore a cuore.

E cosí che il fare quotidiano diventa un essere a servizio come risposta di un Amore ricevuto grande e gratuito. Questa è la grande differenza da cui si distingue una persona risolta affettivamente e una persona che cerca di compensare i suoi vuoti affettivi con il fare (volontariato, servizio in parrocchia, la viceparroca, la maestra che se non ci pensa lei…) attirando su di sé il prurito di tutti (non ti sopportiamo piú nonostante le mille cose sante che fai!).

Anche a me succede. Quando parto senza fermarmi e mi lancio nel mio fare quotidiano mi succede che cerco negli altri (soprattutto in Francesco!) di essere colmata di quell’Amore, di quell’energia di cui ho bisogno. È evidente che non funziona! È bello invece entrare in relazione con Francesco giá piena e predisposta a dare e non a chiedere che lui colmi i miei vuoti esistenziali. Quando mi fermo e mi lascio totalmente Amare da Dio prima di fare ogni piccola cosa della giornata, allora funziona meglio anche la mia relazione, si parla meglio, si litiga meglio (con piú convinzione e per il bene!), si affronta la giornata meglio perché l’altro è solo un’altra libertá a cui avvicinarmi e non colui che mi deve capire, che mi deve consolare, che mi deve dare una mano se no non mi ama, ecc. La comprensione, la consolazione e tutto il resto lo attingo dalla relazione con Dio.

L’Amore è ordinato: prima si riceve da Dio e poi si dá. Se no è solo volontariato, buone azioni, cose belle ma rimangono solo un fare e non un essere a servizio, un dare qualcosa di me invece di essere un canale di grazia per chi mi si avvicina. Trovo che dare qualcosa di me è bello e lodevole oltre ad essere il minimo sindacale per chi si definisce umano, ma essere il canale per fare passare l’Amore di Dio è decisamente piú grande e piú bello.

Dove trovo il tempo per fare tutto il resto?

Nel mio cammino sono passata da “Dove trovo il tempo per pregare” al punto di dire piuttosto “Signore, ma mo il tempo per fare tutte le cose che devo fare oggi dove lo trovo? Io vorrei solo stare con Te e basta”. Perché non esiste niente di piú bello che essere guardati da Dio, stare con Lui. Certe volte, mo lo dico, invidio le suore che nella loro giornata è chiaro che ci sono degli orari in cui si prega e basta, tutti pregano e non ci sono scuse per non farlo. In una famiglia è piú difficile perché tra la tabellina del cinque e il teatro dell’altra figlia, la cena, l’uscita di scuola, il bagno da lavare e il piegaggio calzini da due centimetri, certo il tempo è scandito diversamente.

Per noi la sfida del tempo con Dio è piú avvincente. Ce lo dobbiamo ricavare a mozzichi questo tempo… e se non fosse cosí?! E se non ci lasciassimo fregare dal fare quotidiano che ci travolge e prima di tutto ci fermassimo per prenderci il tempo migliore, quello che fa funzionare bene tutti gli ingranaggi?! Credo ci sia una soluzione semplice: trasformare la nostra vita in preghiera costante.

Quando si parla di tempo per pregare la cosa mi stride un po’ dentro. Per me in realtá è diversa. Quello che io vivo è avere sicuramente un tempo speciale con Dio, ma soprattutto costantemente la mente a Dio, in relazione con Lui, anche mentre sgrido un figlio per i calzini lasciati a terra. Senza questa relazione non riuscirei proprio a fare nulla perché non vedo molta bellezza nel fare tante cose, ma la vedo nella prospettiva di una risposta ad un Amore che ricevo immeritatamente.

Vi lascio con una domanda per questa quaresima: se non hai il tempo per pregare, per cosa lo spendi il tuo tempo? A cosa dai la prioritá? Per cosa spendi le tue energie?




☕ OFFRI UNA COLAZIONE A 5PANI2PESCI!

Unisciti a centinaia di ragazzi che ci stanno aiutando a portare avanti questo progetto.

👉 Senza di te non si può fare.

😍 Aiutaci ora!

Tutti i post